sabato 11 ottobre 2008

Modelle - le apolidi del nuovo secolo

Nei tram milanesi ci sono tre uscite e un buco da cui entrano le modelle.
Le modelle sono donne orribili e disoccupate: hanno bocche enormi, denti bianchissimi, e gambe sproporzionate.
Quando salgono, tutti le guardano e dicono qualcosa a chi è accanto.
E' impossibile abituarsi e pericoloso avvcinarsi.
Ancora non si sa cosa potrebbe accadere violando deliberatamente il silenzio non scritto che si autoimpone ogni qualvolta una modella decide di turbare la quiete del tram.

La prima preoccupazione è di carattere educativo: come reagirebbe un bambino se vedesse un comune cittadino parlare con una modella?
Nell'impietosa piramide sociale che tutti ci impila, nulla è al di sotto delle modelle - ancora oggi private del diritto di cittadinanza.
Le poverette - condannate dalle loro malformazioni - faticano a confondersi tra la gente e sono costrette a dover contare su loro stesse, sempre e comunque.
Non è raro vederne per le strade mentre tentano di venire a capo di una cartina della città, dopo aver tentato senza successo di ottenere informazioni dai passanti.
Se possibile, è ancora più toccante vederle nutrirsi: con una mela e qualche sorso d'acqua sono capaci di sopravvivere una giornata intera - e le loro facce smunte sembrano non reagire neanche più alle abbuffate di pizze e focacce che le circondano.

Pietosamente, le case di moda hanno deciso da qualche decennio di usare le povere sventurate per la presentazione delle loro nuove collezioni.
Un atto di beneficenza - del resto a tutt'oggi è l'unico lavoro al quale possano aspirare - che nasconde una precisa logica di marketing: il consumatore si convince della bellezza del vestito notando come riesca a far sembrare graziosa anche una di quelle orribili creature capaci di far calare il silenzio sui nostri mezzi pubblici.
Ugualmente strumentale è l'abitudine dei grandi uomini d'affari di farsi vedere in compagnia di modelle nelle occasioni mondane - nel tentativo di promuovere un qualche altrimenti nascosto impegno nel sociale.
Purtroppo, anche quando è loro permesso apparire in discutibili dimostrazioni di compassione - non è loro concessa la parola.
Ci si limita a farle sorridere, per far sì che la gente da casa si spaventi e si commuova - davanti all'orrendo spettacolo di quelli orribili, enormi, bianchissimi denti.

59801QWYV_w

1 commento:

FU TOLSTOJ ha detto...

MINISTRO RESTO SENZA PAROLE. .
PREMETTO CHE LA MIA NON è UN ACCUSA MA UNA SEMPLICE INTERROGATIVO. . .
cHE COSA LE FA PENSARE CHE DIETRO L'OMBRA DI CHI SFOGGIA DENTI BIANCHISSIMI E SI NUTRE DI UNA MELA E UN SORSO D'ACQUA COESISTI SOLO UN'IMMAGINE CHE SPAVENTA?QUANTO CREDE SIA GRANDE LA DIFFERENZA DI CHI CERCA DI NASCONDERSI DIETRO LA PERFEZIONE CHIESTA DA MEDIA E MODA E QUELLA DI CHI SI NASCONDE DIETRO UNA GHIPSON SE COSì SI SCRIVE ARRAMPICANDOSI VERSO L'EPICENTRO DEL COMMERCIO??ENTRAMBI ESSERI VIVENTI L'UNO FORSE GUARDA L'ALTRO CON COMPASSIONE MA AIMè CREDO ESCHE DI QUELLO CHE SI CHIAMA CONSUMINSMO E RICERCA OSTENTUOSA DEL DOVER PIACERE E FARCELA. . MA DI SICURO SBAGLIO MINISTRO . .MA ALMENO LEI. . CHE è PORTAVOCE DI DIRITTI,CHE CITA CESARE NELLE SUE CANZONI E PARLA DI ASSASSINI ...CHE CHIEDE CHE NON SI PARLI. .